..........................................................

La vendetta barbaricina come ordinamento giuridico (Giuffrè, Milano 1959), ora in Il banditismo in Sardegna. La vendetta barbaricina come ordinamento giuridico, Nuova ed. con una introduzione di L. M. Lombardi Satriani e altri scritti inediti dell’autore, Milano 1993. Il volume viene ripubblicato nel 2000 presso l'editore nuorese Il Maestrale. Sull'importanza del libro, Norberto Bobbio scrive che "sostanzialmente, come tutta l'opera di Pigliaru, vi è l'aderenza a processi storici e sociali carichi di pressanti domande per il presente".

..........................................................

vai al testo integrale in pdf

 

..........................................................
Per informazioni su articoli, saggi o altro scrivi a comitato.archivio@pigliaru.it
..........................................................

scritti
il codice della vendetta barbaricina

La vendetta deve essere proporzionata, prudente e progressiva. S'intende per vendetta proporzionata un'offesa idonea a recare un danno maggiore ma analogo a quello subito; s'intende per vendetta prudente un'azione offensiva posta in essere dopo la conseguita certezza circa la esistenza della responsabilità dolosa dell'agente e successivamente al fallito tentativo di pacifica composizione della vertenza in atto, ove le circostanze della offesa originaria rendano ciò possibile; s’intende per vendetta progressiva un'azione offensiva posta in essere con prudenza e tuttavia adeguantesi con l'impiego di mezzi sempre più gravi o meno gravi all'aggravarsi od all'attenuarsi progressivo dell'offesa originaria, anche in conseguenza dell'eventuale verificarsi di nuove circostanze che aggravino ovvero attenuino l'offesa originaria o del progressivo concorrere nel tempo di nuove ragioni di offesa.
[Da: Antonio Pigliaru, Il banditismo in Sardegna. Il codice della vendetta barbaricina]